domenica 19 luglio 2009

IL LUME DELLA RAGIONE

AVVISO AI NAVIGANTI: questo non e' un sito di tifosi, tantomeno tifosi di Biaggi (a me Max stava pure sulle palle quando si lamentava) e non e' un sito anti-Rossi che come pilota apprezziamo al 100% ma al quale non dobbiamo nulla e se perde o sbaglia non abbiamo il dovere di inventare scuse. Siamo spietati con chiunque e non ci piacciono le balle. Chiaro?

Bon, passiamo alla gara del Sachsenring che vede la 101 vittoria dell'Idolo di grandi e piccini e che forse io ho visto da dietro la TV dato che la troupe mediaset ha commentato ben altro.
Se infatti l'analisi di Simoncelli, che conosce piu' bestemmie che verbi, risulta la piu' lucida, se De Angelis e' in grado di dire le cose in maniera inequivocabile c'e' da preoccuparsi.
Mi sembra assurdo che i piloti abbiano una visione piu' lucida e meno inquinata dal campanilismo di giornalisti preposti al commento. Lo so non c'e' molto di che stupirsi ormai, ma mediaset e' come la merda: la conosci, sai cos'e' ma continua a farti schifo.
Si e' aperto infatti col delirio geografico di Cereghini che scambia le Marche con la Romagna e dichiara che "Per vincere bisogna essere romagnoli"... Senza parole...
Al di la' dell'errore (Tavullia e' sotto Pesaro) non si capisce la necessita' di tale battuta visto che Rossi ha tante doti e che certo essere romagnolo o marchigiano non mi pare possa influire sui tempi sul giro. E poi che c'entra se sono confinanti i comuni? Io per dire sono cresciuto a 5' dal Po ma sono ferrarese, non veneto e oggi vivo a 30" dal confine della provincia di Firenze ma sono sotto Arezzo. I confini esistono apposta, confonderli per fare i complimenti a Simoncelli (nato a Cattolica e redsidente a Coriano) e De Angelis (sammarinese nato a Rimini) e' un pretesto che RincoNico si poteva risparmiare. Immagino la felicita' dei pesaresi a sentire che pure la Morbidelli e' romagnola. Eppure il buon Gianni Morbidelli in tanti anni di corse non e' mai stato chiamato romagnolo... mah.


Rossi ha vinto di una incollatura ma con pieno merito. In una pista che rende difficili i sorpassi ha saputo tenere chiusa la porta, era da venerdi' che lo diceva anche perche' qui perse con Gibernau una gara gia' vinta per una staccata leggermente larga, l'esperienza e' servita. Tuttavia a Fuorigiri non sanno bene come interpretare il fatto e cosi' si buttano a pesce (morto e puzzolente) su considerazioni come al solito esagerate: "Rossi non si puo' battere" "Rossi vincera' sempre, Lorenzo fa bene ad andare in Honda" "Lorenzo non vincera' mai" "Si fanno i complimenti quando sai che prederai sempre la paga". Ma, dico, queste cose le han dette a Laguna? A Motegi? A Lemans? Al Mugello? In Qatar? No.
E qui non si capisce perche' quando Rossi vince non c'e' storia per gli altri e quando perde e' solo un incidente di percorso da commentare come frutto del caso. A sentire loro pare che Rossi manco debba sforzarsi per vincere nonostante il pilota faccia sempre presente quanto sia dura: a Barcellona si e' inventato un sorpasso strepitoso, a Laguna ha rintuzzato gli attacchi di un compagno ferito piu' nel fisico che nell'onore in rimonta per giunta, qui da 5° che era e' andato in testa e Rossi ha dovuto chiudere gli spazi pure con la gamba distesa.
Vi pare la situazione di un predestinato a prendere sempre la paga vita natural durante? Sono il primo a dire che per me il mondiale lo vince Rossi: nessun infortunio, la moto migliore, tanta esperienza e velocita' come gli altri, unico punto debole forse i "flag to flag" ma per favore smettiamola di trattare gli altri come cerebrolesi anche quando danno filo da torcere. Basterebbe che i giornalai rispettassero gli altri piloti quanto li rispetta Rossi. Non e' difficile. Prima intervistatelo e poi dategli ragione ci fate piu' bella figura.
Da segnalare il super-rossista Carlo Florenzano che infine non ce la fa (e' termometro di una esagerazione che manco lui soffre) e ribatte a Rinco Cereghini che no, non si puo' dire che Lorenzo se rimane in Yamaha e' destinato a perdere sempre. I piloti ridono e danno torto al barbuto tester di scooter. Ennesima occasione in cui se stava zitto era meglio. A che serve un commentatore che quando apre bocca dice solo cazzate?

Increbilmente Meda e Reggiani hanno smesso di dire che Stoner soffre psicologicamente (speriamo ci abbiano letto), un mese di cazzate cancellate e addirittura sostengono che la loro ipotesi era di stress fisico e stanchezza abbinata a scarsa preparazione... sempre fisica. Che roba, ci manca dicano che i giornalisti (o i bloggers) hanno frainteso le loro parole e abbiamo dei perfetti cloni del Silvio che prima spara una cazzata e poi nega di averla detta impiegando 300 parole a chiarire una frase di 3. E qui si rivela la natura infida e orientata solo alla polemica del team di Fuorigiri: Cereghini che era l'unico a ritenere piu' plausibile una debolezza fisica, adesso che e' accertata, si inventa che non si capisce come mai ce l'abbia. La conferma che in passato si smarco' solo per dar torto a Bobbiese e fare il bastian contrario a prescindere dall'argomento di cui si parla. Il senso stavolta e' che Stoner sia debole fisicamente perche' non vince. Si insomma puo' avere senso solo per loro in quanto la Ducati continua ad arrancare, a muoversi piu' di Honda e Yamaha, a finire le gomme un pochino prima e per scivolare meno con le basse temperature deve ricorrere spesso alle morbide dietro per cronica mancanza di trazione mentre addirittura la Yamaha puo' permettersi di usare davanti una morbida o una dura e rimanere in testa comunque.
Anche qui si rigira la frittata: quando vinceva la Ducati era tutto merito dell'elettronica, poi la parola e' scomparsa da articoli e tv. Sabato mattina leggevo invece sulla Gazzetta che il miglior tempo di Stoner era merito dell'elettronica, al che mi chiedo: ma che ce l'han solo loro? E perche' l'elettronica conta quando e' davanti una Ducati (che poi e' sempre e solo Stoner) e non conta per le M1?
Ci viene in aiuto uno dei pochi siti che riportano fatti e non commenti, a questo link:
http://www.gpone.com/news/News.asp?NNews=4801 dove troviamo una curiosa dichiarazione di Colin Edwards che riporto testualmente:
Proprio qui in Germania, la Yamaha ha equipaggiato le M1 del team Tech3 di Hervé Poncharal con un un sistema antiwheeling che le moto ufficiali possiedono già da Jerez de la Frontera, e sul quale, come ha ammesso Rossi, la Casa “ha lavorato bene tutto l'inverno”. Secondo Tech3, il sistema elettronico “aiuta in accelerazione all'uscita delle curve”. “E' fantastica” ha raccontato Colin Edwards, che ha messo a segno il sesto tempo. “Prima, si faceva fatica a controllarla in accelerazione; adesso è incredibile. Quel sistema è oro puro”.

Capito? Non era a Jerez che Rossi colse la prima vittoria? E non era a Jerez che si riferiva Rossi quando al Mugello e LeMans disse che pensavano di aver risolto i problemi in quella occasione? A cio' si aggiungano gli aggiornamenti di elettronica a Barcellona e le prove di Laguna dove si parlava di set up ma era di elettronica che si cercavano le giuste regolazioni.
Ora noi non diamo i meriti delle vittorie di Rossi solo alla moto e a una patch del controllo di trazione, pero' se prendiamo i numeri nudi e crudi vediamo le Yamaha che colgono 6 vittorie in 9 gare, 4 doppiette 1°-2°, piu' 3 volte 1°-3° cioe' 2 Yamaha sul podio in 7 occasioni su 9 e Rossi che nelle sue 4 vittorie 3 le ha ottenute battendo il compagno di squadra.

Ripeto non vogliamo sminuire le capacita' e i meriti di Rossi, ma se mi dicono che la Ducati va bene perche' Hayden e' 8° cosa devo pensare della Yamaha???

P.S. un saluto agli amici di TGM e grazie per le tante discussioni serene, ora pero' liberatevi dei troll :)

83 commenti:

  1. Come sempre analisi cinica ma aderente alla realtà al 200%.
    Triste constatare come un pacco di persone (per lo più personaggi
    che non hanno mai visto una moto in vita loro) possieda una conoscenza
    di questo sport che è legata soltanto alla visione di trasmissioni
    come fuorigiri.

    RispondiElimina
  2. Grande Boa,commento molto obbiettivo,in cui si capisce che molta gente si è "stancata" di Valentino Rossi solo grazie a Meda e compagnia bella...

    RispondiElimina
  3. Come già fatto in passato mi farò prestare le parole da putredine:"E' il più forte ma non mi appassiona il suo modo di vincere, per manifesta superiorità" e aggiungerei che non ho mai amato le bambole , le parrucche, le varie stronzate per fare "operazione simpatia" quando la verità è che,gli rode molto il chiccherone, quando perde, al canaro di tavullia.
    Allo stato attuale ritengo che il pacchetto moto-pilota/i sia perfetto e non basta il miglior pedrosa o uno stoner perfetto (e perfetto non era...)
    Se il canaro riuscirà a convincere tutti di essere il più forte di tutti i tempi (coi numeri) non mi dispiacerà, anzi!
    Fino a quel giorno continuerò a tifare per lo spettacolo e la sportività.
    Quindi non sarò mai tifoso di cereghini per capirci...
    A proposito: mi è parso un meda un pò più composto del solito? O mi sbaglio?

    RispondiElimina
  4. Io non seguo mai il dopo gara, ma ieri, fatalità, non sono stato veloce nello girare canale ed il "mein kampf" della piada me lo sono beccato. D'altronde i napoletani suonano i mandolini, i romani bevono il latte di lupa, i milanesi mangian le cotolette, i "casarghesi" leccano ed i romagnoli, dopo una "biltz warren" invadono col loro dna le Marche. Viva gli arianno-romagnoli, la nuova razza superiore. Se penso che abito in Friuli e a Trieste c'è l'unico campo di sterminio sul territorio italiano, che con un "piccolo restauro" si potrebbe rimettere in funzione, mi fan venire voglia di metter su la "premiata forneria giammarconi" :-)))))))

    RispondiElimina
  5. Strano posto TAVULLIA, è nelle MARCHE ma vuol passare sotto la provinicia di RIMINI. Un posto magico dove il DNA sembra secondo CEREGHINI essere la chiave di tutti i misteri. E se il buon CEREGHINI avesse ragione?? 65 anni orsono TAVULLIA come altri paesi dell'entroterra MARCHIGIANO EMILIANO erano l'ultimo baluardo eretto dai tedeschi a difesa del NORD-ITALIA. Sto parlando della LINEA GOTICA che dall'ADRIATICO finisce nel TIRRENO passando per TAVULLIA e tutti noi abbiamo oramai conoscenza di quanto "DNA" venga tragicamente e copiosamente elargito a forza nelle zone di guerra. AMERICANI,INGLESI,AUSTRALIANI avanzarono sull'ADRIATICO e se un domani il DNA rivelasse che HAYDEN,STONER,ROSSI,SIMONCELLI,HAILWOOD,BAYLISS,FOGARTY,ecc. sono tutti "cuginetti" e hanno qualche bisnonno in comune come la prenderebbe il buon NICO??

    RispondiElimina
  6. ah ah ah
    crash, occhio a citare il put ché mi diventi analfabeta di ritorno! :))
    oh, ma qualcuno se lo ricorda cosa disse il cerghini l'anno scorso dopo i tomboloni di lorenzo?
    dal modo di cadere si evinceva uno scarso istinto di sopravvivenza e quindi doveva avere dei grossi problemi emotivi!
    mi ricordo che scrissi di aver capito, allora, il perché della barba di nico... niente specchi in giro per casa. :)))

    RispondiElimina
  7. Quando meda durante la 125 ha dato dell'idiota a marquez che si è steso poche curve prima del traguardo;lo avete sentito?

    RispondiElimina
  8. 20.28
    beh, a me lì ha fatto quasi tenerezza.
    il tempo di reazione talmente breve da farmelo sembrare sinceramente dispiaciuto, nella stizza.
    certo esteticamente non è stato il massimo, evocando più un commento da telespettatore che da cronista, ma non mi ha infastidito più di tanto.
    forse lo avesse fatto iannone al posto dell'idiozia sarebbe stata sottolineata la sfortuna... ma mi sembra di cercare il pelo nell'uovo.
    brutto ma non cattivo, per me.

    RispondiElimina
  9. No nemmeno io ho visto cattiveria, anche perchè credo che ci tenga a marquez, ma non pensavo gli sfuggisse una piccola parolaccia, infatti ho riso per la sua piccola incontinenza verbale

    RispondiElimina
  10. si è stato pazzesco, ma l'ha fatto per rabbia perchè ci tiene. Certo che l'incidente è stato strano, gli deve esser successo qualcosa alla moto!

    RispondiElimina
  11. Bella lanfry,:-) quella di tavullia, pensa che anni fa' lessi e vidi documentari che parlavano delle violenze subite dalle donne nella 2 querra mondiale in italia, quella che mi rimase piu' impressa nella mente fu' quella dei reparti morrochini comandati da ufficiali inglesi,il premio riservato a loro era di poter saccheggiare e violentare tutti i paesi e citta' da loro conquistati, ci pensi, percio' la tua ipotesi e molto piu' realistica di quanto immagini.

    RispondiElimina
  12. O si è bucata la gomma nel contatto, o se l'è fatta addosso sporcandola.

    RispondiElimina
  13. romi, premesso che la guerra è sempre una brutta cosa che alla fine pagano i civili purtroppo noi italiani siamo sempre disposti con estrema facilità a salire sul carro dei vincitori e ci siamo accaniti per 60 e passa anni a trovare e condannare gli autori delle stragi naziste in italia. nessun accenno alle violenze a cui tu hai accennato e le cui vittime nel basso LAZIO sono state circa 80000 anche se uno stupro non si confessa mai volentieri e nessun accenno alle stragi americane attuate in SICILIA verso le popolazioni civili e verso gli italiani che sconfitti si arrendevano.
    vi furono ordini del celebrato generale PATTON che imponevano l'eliminazione dei soldati italiani e a causa di questi ordini gli esecutori materiali non furono mai condannati.
    inutile ricordare che gli stessi americani imposero il processo di norimberga ai tedeschi accusati di atrocità!!

    http://lists.peacelink.it/pace/2005/09/msg00099.html

    ci siamo accorti delle foibe solo perchè è finita la guerra fredda e l'unione sovietica è sparita chissa se riusciremo mai a dare dignità a quei soldati italiani trucidati dai tedeschi o dagli americani solo perchè condotti in una guerra inutile e dalla quale siamo usciti in un modo vergognoso senza dare utili informazioni e pretendere garanzie per chi si arrendeva.

    per ritornare a TAVULLIA devi sapere che mia madre è di URBINO e se nessun pericolo è mai arrivato dai tedeschi, il passaggio delle truppe alleate ha imposto l'abbandono da parte della popolazione femminile delle case e il rifugio in grotte naturali proprio per la cattiva fama che si stavano facendo le truppe di colore in genere e anche i polacchi.

    storia a parte direi che oggi è una bellissima giornata. la brutta stagione di MATTEO BAIOCCO ha preso una nuova direzione, è diventato il compagno di SMRZ per le prossime gare esclusa BRNO per la quale non vi è abbastanza tempo per preparare la moto e la trasferta. BAIOCCO dopo la delusione del dopo MUGELLO rimonta su una DUCATI che a suo parere è una ottima moto da corsa e speriamo che abbia la possibilità di mostrare tutto il DNA che ha nelle palle!!

    RispondiElimina
  14. Grande Boa, vieni a postare un pò di là... ormai a furia di lamer e troll è diventato un mortorio!

    Profonda Stima ;)

    RispondiElimina
  15. Ragazzi, scusate, ma degli stupri dei "liberatori" si è parlato nel capolavoro di De Sica "la Ciociara" che valse a Sophia Loren la Palma d'Oro a Cannes, il David di Donatello e l'Oscar, oltre al Golden Globe come miglior film straniero. Il problema è sempre lo stesso, la memoria corta degli italiani dove conviene non ricordare. Comunque anche gli italiani non hanno scherzato, come invasori. Tanto che l'eccidio per affogamento perpetuato nelle Foibe carsoline fù lo sdebitarsi delle milizie tittine per le deportazioni e per le atrocità subite da sloveni e croati ad opera degli italiani. Una vendetta etnica (riporto il dato storico, non giustifico nessuno, sia ben inteso). Il silenzio calò più per non dover risarcire i profughi Dalmati (tra cui Ottavio Missoni, erroneamente considerato triestino) che per compiacere i comunisti. Ho passato diverse giornate a Trieste e la memoria delle atrocità viste da quella città (compresa la risiera di San Sabba, su cui ho fatto dell'umorismo macabro più sù) è molto vivo, ancora. Ma d'altronde avete qualche altra parola che evochi qualcosa di peggio di "guerra"? Io no.

    RispondiElimina
  16. uncle ron, "la ciociara" come la canzone napoletana "tammurriata nira" hanno da subito tentato di dare voce a chi quella voce non c'è l'aveva +. Le foibe come ritorsione a dei soprusi subiti?? Difficile giustificare in questo modo quella che è stata una vera e propria operazione di pulizia etnica per conquistare del territorio italiano che poi purtroppo il "TRATTATO DI OSIMO" del 1975 ha regalato definitivamente alla jugoslavia senza contropartita. Ma d'altronde dove poteva essere firmato un tale trattato scellerato se non nella "città dei senza testa". che non fosse solo osimo senza testa lo si è poi visto nel 1992 quando con lo scioglimento della jugolavia "IL TRATTATO DI OSIMO" diventava nullo ma l'ITALIA non ha esitato a riconoscere i nuovi confini alla SLOVENIA includendo in essi anche l'ISTRIA e non richiedendo ancora nulla in cambio. Nel 1996 la ciliegina sulla torta il governo PRODI toglie qualsiasi veto a LUBIANA per il suo ingresso in EUROPA e ancora una volta non si parla di compensazioni in denaro agli esuli per terreni/case,ecc,.
    Alla mamma di 90anni del mio barbiere che è fuggita 65 anni fa dall'ISTRIA è difficile raccontare che l'ITALIA che lei ha scelto come sua nazione si è ancora una volta dimenticata di lei. Un strano destino stava per collegare tragicamente la jugoslavia a osimo, era il 1992 e 2 elicotteri militari italiani bianchi con insegne onu stavano volando per portare soccorso ai civili, un mig21 federale fu mandato da belgrado ad abbattere i 2 elicotteri e per fortuna quello pilotato dall'osimano TOMBOLESI scampò ai missili e alle raffiche del jet. Il tragico evento fu poi seguito di poche mesi dall'abbattimento del g222 con altre 4 persone a bordo. E' vero noi italiani siamo di memoria corta, cortissima e abbiamo legittimato e raccomandato alla CEE chi non ha esitato a macellare persone indifese in missione di pace.

    RispondiElimina
  17. ottimo commento, come sempre!

    RispondiElimina
  18. Lanfry, proprio perchè fosse chiaro che non giustifico nulla, avevo fatto tale specifica tra parentesi. Sono d'accordo con te su tutto, ma come provo orrore al pensiero di gente legata col filo spinato e gettata in una voragine, provo lo stesso orrore per le decine di persone che furono impiccate a lampioni e balconi, o uccise a martellate e poi cremate e le ceneri gettate nel golfo di Trieste di notte. Poco mi importa di che nazionalità fossero, anche quella era pulizia etnica. Per la cronaca, il trattato di Osimo poteva essere annullato, se voluto, già nel 1976, quando in occasione del terremoto del Friuli le truppe di Tito arrivarono con i carri armati sino in piazza a Tarcento (visto che siamo comunque su un blog motoristico, ricordiamo che Tazio Nuvolari passò a Tarcento la vecchiaia), violando gli accordi del trattato stesso. Ma tutto svaporò in un "eravamo venuti a vedere se si poteva dare una mano". Ma figurati. Fecero retromarcia perchè trovarono i "gladiatori" armati sino ai denti, armi custodite nei sotterranei delle chiese, come poi accertò la magistratura. I diritti dei Dalmati si sono persi nelle compensazioni commerciali di cui Trieste era tramite e la Yugoslavia arbitro. In sostanza se arriva il gas dalla Russia dai lontani anni '60, non è solo grazie alla Eni di Mattei, ma è anche perchè i Dalmati l'han presa in culo (purtroppo compresa la mamma del tuo barbiere, ma non credere che chi ha scelto di restare in Yugoslavia si sia divertito)

    RispondiElimina
  19. Scusate ragazzi ma non vi sembra di essere un po' troppo fuori dall'argomento?

    RispondiElimina
  20. zietto&lanfry,

    eppure, dalla notte dei tempi, tutto questo è così inevitabile, così naturale...
    qualche anno fa ho conosciuto un vecchio che mi passò alcune letture "proibite" su entrambe le guerre mondiali.
    ci furono anche dei soldati che,invece di eseguire ordini aberranti, si immolarono sparando al comandante di turno; ma la storia non ha deviato di un millimetro, spazzandoli via. altri uomini si avvantaggiarono personalmente di questi "fuori-programma" e tutto proseguì come doveva.
    questo vecchio è ancora vivo, nonostante abbia lavorato l'amianto fino alla pensione.
    la moglie, vedova predestinata, se ne sta andando per un cancro e la figlia oggi quarantenne è un'impiegata modello, nonostante gli insegnamenti rivoluzionari del babbo che, in fondo, ha vissuto come il più remissivo e mansueto dei suoi colleghi.
    dinamiche ineluttabili.

    RispondiElimina
  21. boa,
    forse c'è un punto di contatto col teatrino della motogp.
    cosa è frutto di "sana" selezione naturale e cosa no?
    e questa selezione naturale è stata soppressa oppure continua a governarci in maniera infinitamente complessa?

    RispondiElimina
  22. boa74, sai a sentire uno colla barbetta grigia che parla di DNA è un attimo collegare la cosa ad un'altro coi baffetti neri che parlava di superiorità della razza.
    Purtroppo è impossibile dire ancora qualcosa che non sia negativo sui personaggi che hanno la possibilità di raccontare a tutti gli spettatori Tv la MOTOGP moderna. Dopo le "truffe" della DUCATI, la "fifa con cagarella" di STONER siamo arrivati alla predestinazione alla vittoria garantita dal DNA.
    Come avevo segnalato tempo fa spero che la MOTOGP venga restituita al suo pubblico naturale al + presto, intanto come avevo già preannunciato MEDIASET fà di tutto per vanificare gli acquisti degli italiani in tema di digitale terrestre. Tutto quello che è già nelle case degli italiani potrebbe essere da buttare. Spero che gli italiani si incazzino a dovere abbandonando la RAI e MEDIASET e che la prossima MOTOGP sia di SKY.

    Bye,bye MEDA & C.!!!

    http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=Rai%20e%20Mediaset%20''scendono''%20dal%20satellite,%20nuovi%20canali%20di%20Sky%20per%20parare%20il%20colpo&idSezione=3737

    RispondiElimina
  23. Boa74, vedo che non hai apprezzato la mia citazione biografica su Nuvolari :-)))))))).
    Concordo che abbiamo divagato, ma neanche tanto. Quando si comincia a parlare di "razze superiori" e "uomini del destino", mi accodo al Put e al Lanfry, il pensiero corre inevitabilmente all'eterno ritorno dell'uguale. Personalmente sulla questione televisiva, io ho risolto da anni. Non ho il televisore e della guerra Berlusconi Vs. Murdoch nun me ne pò fregà de meno. W internet e la sua democrazia strampalata (finchè dura)

    RispondiElimina
  24. Eppoi dite male di Cereghini, dite!
    Guarda un po' che pezzo di discussione che ha scatenato.
    Le sue frasi apparentemente fuori contesto e senza nesso, miravano invece ad accendere gli animi con sopite passioni e vetusti ricordi, immemori ai più.

    RispondiElimina
  25. Cereghini avrebbe fatto piu' bella figura a sforzarsi di capire cosa c'e' in Emilia Romagna. Preparatori, officine, aziende legate all'indotto, insomma di tutto un (bel) po' legato alle competizioni per auto e moto.

    Sicuramente un genitore che il figlio appassionato di motori ma vive a Catania o Napoli non saprebbe nemmeno dove andare a provare, da Vallelunga in giu' non c'e' praticamente nulla. Non citatemi Pergusa che e' un anello con 3 chicane ed e' chiuso quasi sempre.

    Nel Nord-Est c'e' da qualche anno Adria, si aspetta la fine dei lavori a Ferrara, c'e' un progetto ambizioso nel veronese, cui aggiungiamo Imola, Misano, Varano piu' una caterva di piste per kart, minimoto e supermotard.
    Tant'e' che oltre alla qualita' dalla Romagna i piloti arrivano in gran quantita' e' che nessuno va a contare gli scarti.

    RispondiElimina
  26. ma certo, boa!
    poi c'è il discorso micro-sponsorizzazioni, quelle che in sostanza permettono di muovere i primi passi anche a chi non ha troppi soldi da spendere.
    ti faccio un esempio.
    quando correvo le salite, quasi vent'anni or sono, ero un milanese.
    il "movimento", però, in lombardia era pressoché assente, mentre il piemonte era "la romagna della salita".
    risultato?
    non solo i ragazzi piemontesi, a differenza di quelli lombardi, riuscivano a trovare un sacco di mini-sponsorizzazioni, ma i loro supporter si guardavano(giustamente) bene dall'estendere il loro aiuto al "nemico".
    ecco perché al campionato italiano c'erano solo liguri, piemontesi e toscani... razze superiori?

    vorrei poi ricordare che tomba è bolognese... ma avviarlo alla pratica dello sci sarebbe pesato alla famiglia assai di meno se fossero stati, chessò, di livigno.
    invece a bologna, se albertone fosse nato poverello, ce lo saremmo pure perso!

    RispondiElimina
  27. Boa,giustissimo, metti il dito nella piaga "vivaio". Diciamo che in Italia, se non ti piace il calcio, è difficile praticare a livello decente qualsiasi altro sport. E quelli motoristici, già costosi, che inoltre richiedono una pista su cui praticarli, sono ancora più localizzati. Quando vivevo in Puglia, a Fasano c'era una pista per kart, dove avevo cominciato a girare con una discreta velocità. Poi sono venuto a Udine, dove questa possibilità non c'era. Finito il capitolo. Per la motoGp, poi, la vedo peggio. La catalizzazzione di tutte le risorse e l'attenzione su Rossi, ci ha esclusi dalla possibilità di un ricambio generazionale, portandoci ad un prossimo decennio che sarà dominato dagli spagnoli in tutte le classi.

    RispondiElimina
  28. Sì, però...
    non c'è nulla di nuovo sotto il sole!
    In Italia, da sempre, le moto sono sempre state un fatto privato di romagnoli e marchigiani. Da romano ho sempre mal sopportato il sorrisetto degli addetti ai lavori che diceva: se non ti chiami loris e non sei marchigiano-romagnolo in moto non ci sai andare! Il fenomeno biaggi è stato sempre mal digerito anche a causa della provenienza!
    Devo aggiungere che mia nonna è nata a Villa Verucchio e mia madre a Recanati (Leopardi, Uncini, Gigli) e sono (da sempre) il più veloce tra i "fermi" e il più "fermo" dei veloci! :-)
    Un'ultima cosa: quando andranno via i soldi insieme al signor rossi tutto il circus si ridimensionerà e la dorna mollerà l'osso ormai spolpato a dovere.
    Gli spagnoli saranno ancora forti come oggi?

    RispondiElimina
  29. ué crash,
    a villa verucchio qualche anno fa ho beccato un ristorante da paura!
    volevo andare da zanni ma mi hanno dirottato in 'sto posto di fianco al golf... ho avanzato un po' di moneta e ci sono pure tornato.
    :-))))

    RispondiElimina
  30. A me questa moda di voler essere o sembrare romagnoli (o emiliani al limite) mi ha sempre infastidito.
    Un po' come quando Massimo Boldi parla in romanesco, non e' credibile.

    Le Marche di piloti ne hanno dati, pure una Casa motociclistica, perche' far finta di essere romagnoli? Fa piu' figo?
    Tipo Lucchinelli, spezzino, ma che si spaccia per bolognese con tanto di accento.

    Io per dire abito in toscana da anni, ma ogni volta mi riconoscono l'accento ferrarese indelebile. Campassi cent'anni non mi sentiranno mai parlare toscano.

    RispondiElimina
  31. Ciao gente,complimenti per il blog.E' già da un po' che lo leggo e ne apprezzo la vena controcorrente ed anche goliardica.Spero però che i post vadano anche ad occuparsi di altri argomenti oltre a "Fuorigiri" che,purtroppo(e dico purtroppo perchè a me il programma fa ridere da quanto è "surreale"...)questa domenica non ho visto per cui non faccio commenti in merito.Credo che Forattini dovrebbe cominciare a fare vignette su di loro piuttosto che sui nostri politici che sono ormai al massimo della demenzialità già in carne ed ossa.Saluti!

    RispondiElimina
  32. boa ma a arezzo non parlano il fiorentino (il cosi detto toscano vero, laretino e' diverso dai...

    RispondiElimina
  33. Ad Arezzo parlano molto diversamente da Firenze. Gia' dove sto io (nel Valdarno) e' qualcosa di piu' simile al fiorentino. Ovviamente ci si capisce come un ferrarese si fa capire pure a Modena o un padovano si fa capire a Verona, pero' sono dialetti diversi.

    Daniele vedi, purtroppo Fuorigiri da il la' alle cagate dei servizi su mediaset, ripresi poi nei commenti anche nel loro sito, gazzetta dello sport e motosprint non sono esenti. Quindi la maniera piu' rapida di andare controcorrente e' vedere il gp, ascoltare quei 4 cantastorie e il post si scrive da solo.
    Ma e' comunque occasione di discussione sul motomondiale. Occasione per parlarne serenamente e per bene.
    Lorenzo fa bene a rimanere in Yamaha o farebbe meglio ad andare in Honda? Se ne potrebbe parlare per settimane. A Fuorigiri si son limitati a dire che Rossi e' imbattibile...

    Altri argomenti ne ho, ma non voglio sacrificarne la visibilita' e cosi' adesso che ci sono i gp vicini l'uno all'altro rimango focalizzato su questo.
    Del resto pure i settimanali quando non c'e' un gp fanno approfondimenti e retrospettive ma non le pubblicano quando meta' rivista e' dedicata alla gara del giorno.

    RispondiElimina
  34. E' vero ache quello che dici te.Ormai mediaset sul motomondiale la fa da padrona e la maggior parte dei giornalisti sembra uniformarsi alla banda di Bobbiese.Anche perchè,secondo me,fuorigiri era di parte prima con Meda e Cereghini ma da quando è arrivato Bobbiese il programma è franato alla ricerca di polemiche sempre più insulse.Che poi Bobbiese,a parte il commento fiacchissimo degli ultimi dvd del TT,di moto ...e 'un ci 'apisce 'na sega!(detto alla toscana da un toscano...).Saluti!

    RispondiElimina
  35. Ecco a proposito del TT, per decenni abbiamo avuto un embargo mediatico dove scrivevano "si e' corso il TT ma non ne parliamo apposta"

    Beh quest'anno ha fatto il "lap of honour" il Vale Nazionale e la Gazzetta ha riempito 2 pagine per una R1 stradale che seguiva un pensionato su MV.
    E dal giorno dopo quelli che corrono per davvero saranno bollati come cretini qualunque.
    Come Motosprint che dava dello scarsone a Fogarty e poi sappiamo cosa ha dimostrato.

    RispondiElimina
  36. Consiglio un bell'infuso di semi di finocchio.
    Aiuta la digestione e aiuta a conciliarsi con il mondo. Funziona davvero, a me sembra tutto più roseo, da quando ne faccio uso!

    RispondiElimina
  37. 23.38
    ma sei sicuro che siano di finocchio?

    per quanto riguarda il prendere gli accenti, io sono una vera spugna: dopo cinque minuti che parlo con qualcuno inizia il contagio... ogni tanto me ne saltano fuori alcuni che nemmeno ricordavo.

    RispondiElimina
  38. Sei sicuro che i semi di finocchio non sia meglio fumarli???

    L'embargo mediatico sul TT è stato portato avanti da molti giornali ma non da tutti,anche se dell'evento si scriveva appena un trafiletto.Ricordo,piuttosto,come si sia "ammorbidita"a suon di soldi degli sponsor la posizione di Agostini in questi ultimi anni.Anzi,direi che ne parla fin troppo bene adesso...

    RispondiElimina
  39. oh...
    agostini è proprio un bell'argomento!
    ora purtroppo devo uscire ma intanto lancio questa provocazione:
    se non fosse arrivata l'"era rossi", se lo filerebbe qualcuno, ago?
    negli anni 90 non mi pareva affatto popolare...

    RispondiElimina
  40. Put, acuto come sempre. Agostini caratterialmente, a mio giudizio è più vicino a Biaggi, quindi antipatico per definizione. Oggi rivalutato solo perchè adeguato termine di paragone con Rossi, che oramai lo insidia da vicino. Cosa non si perdona ad Agostini (e a Biaggi, per certi versi)? La scarsa propensione a rinunciare alla propria persona a favore del proprio personaggio. Imho

    RispondiElimina
  41. anvedi zietto,
    sarò anche acuto ma ago tira poco pure qua...
    :))
    romano,
    dove sei?
    ho visto che ci sono stati problemi su mb...
    ah ah ah
    ruttolo sono io: chissà se cheyenne avrà apprezzato la poesia in dialetto sardo.
    ;-)

    RispondiElimina
  42. E pensa che c'e' anche in mp3

    RispondiElimina
  43. Perche' ho torto macho? (come hai scritto tu')

    RispondiElimina
  44. cosa, la poesia?
    ma tu sai cosa dice???
    ah ah ah

    RispondiElimina
  45. Prova a fare una una ricerca come ho fatto io!

    RispondiElimina
  46. era una provocazione ironica... italiano sbagliato e "lingue straniere".
    per la serie farsi capire non conta, l'importante è far vedere che si sanno più cose degli altri.

    RispondiElimina
  47. E di fatti il n 10 inizia in inglese, ma quarda che davvero il titolo con preghiere c'e' in mp3 ed anche il libro, poi chiaramente se era tutta un accozzaglia creata da te e un altro discorso.
    be' non mi sorprende che difendi i tuoi amici,
    ognuno di noi ha il suo punto di vista, Problemi? ma figurati...e lunga unaltra volta ti spieghero, un acconto...tutto e partito da qui.
    Ed e' bene che la gente sappia che non faccio e non dico niente a caso, in un qual modo pianificato.
    hai fatto bene a dirmi chi sei su' mb stavo gia' quardando i tuoi post per poi darti adosso, ma c'e' poco e niente:)

    RispondiElimina
  48. veramente volevo difendere te, dimostrando ai più "colti" l'effetto che fa leggere qualcosa scritto in una lingua sconosciuta.

    RispondiElimina
  49. Allora scusami (mi ero sentito un po' "tradito" da te)e grazie.
    Allora presumo che la mia linea di pensiero su quello che gli spiegato un po' la capita?

    RispondiElimina
  50. Ops....Lai capita

    RispondiElimina
  51. Comunque una cosa la voglio dire a tutti voi,
    tutte le cose che ho detto e raccontato qui'
    sono tutte vere,quando ho saputo che boa e quasi mio "vicino di casa" mi sono sollevato, perche' se volete posso dimostrarquelo, dal momento che la "mia" concessionaria esiste ancora e col mio nome, mai fatto un fallimento, mai una ricevuta bancaria indietro.
    E posso dimostrare tutto tranquillamente.

    RispondiElimina
  52. bah... non farti problemi che non esistono.
    piuttosto non c'è modo di dargli una mano portando a casa due soldi?
    che ne so, un po' in officina, un po' avanti e indietro dall'agenzia... sembra impossibile che uno con la tua esperienza sia costretto a starsene a casa senza volerlo.

    RispondiElimina
  53. No ho girato un po' tutti gli ex colleghi, tralasciando che son calate le vendite a tutti, ma praticamente sono stato considerato da alcuni "ad un Livello troppo alto troppo costoso" (non avevo aperto bocca) da altri piu' sinceri di trovarsi un po' in difficolta' avere accanto io come me', dal momento che fino a "ieri" erano i miei "rivali" nelle vendite e li battevo(i miei nemici), Altri per succezzione ed inbarazzo, dal momento che mi hanno sempre giudicato un "grande", da altri che non ci siamo mai sopportati ho fatto capolino ma no ho avuto il coraggio.
    Ma tu' pensa che non ho problemi a fare qualsiasi tipo di lavoro che si tratti, imparo,mi adequo tranquillamente, nonc'e' problemi da parte mia, il problema purtroppo e la crisi, se no' ero tranquillamenta a lavorare in fabbrica, e ci stavo anche bene.
    comunque...boo.

    RispondiElimina
  54. Put..ho riletto un po' della tua poesia,ma come ci riesci? nel senso, c'e' veramente di tutto, e poi 10 come i comandamenti, e si che ci vuole inventiva e tempo a crearla.
    Complimenti a te'.

    RispondiElimina
  55. ooh...ma come' che qui peggioro nello scrivere,
    da ora cerchero' di scrivere piu' lentamente-
    scusate.

    RispondiElimina
  56. come ci sono riuscito?
    ho scritto 'poesie in dialetto sardo' su google... questa mi pareva la meno comprensibile e così ho fatto copia/incolla...
    che artista!
    ah ah ah

    RispondiElimina
  57. Put, e fortissimo come inizia la n1 con “santa filomena”, e tutta la mattina che non smetto di ridere a pensarci.:-))))))))))

    RispondiElimina
  58. Intanto oggi a Donington abbiamo visto il secondo esempio di "decimo di gomma" in 6 giorni.
    Lorenzo aveva perso la volata di 99 millesimi ed era stata sbandierata come un'umiliazione.
    Oggi Rossi ha rifilato ben 95 millesimi a Pedrosa e leggevo ovunque "ritmo impossibile per chiunque".

    Credo di essermi rincoglionito. 9 centesimi abbondanti adesso sono un abisso.
    Poi c'e' da dire che Rossi ha pure detto di essere a posto con la gomma morbida, ma con quella da gara era messo meglio Lorenzo, molto meglio.
    Interpretazione dei cronisti innominabili "Eh Rossi nelle prove lavora su altre cose".
    !? Ma cosa, per la miseria che con le gomme da gara non riusciva ad andare?

    Ma e' possibile che stanno sempre cuciti addosso a Rossi e manco capiscono le sue parole? Pure la storia del "sbruffone" a Lorenzo si sono inventati per puro gusto della polemica. La Gazzetta metteva nel titolo un virgolettato di cui non c'e' traccia nelle dichiarazioni rese dopo il Sachsenring. Roba da non credere.

    Infine Stoner. Cade, salta mezz'ora di prove, cambiano tutto sulla seconda moto, entra e fa un tempo di merda? No, 3 decimi dalla pole e 44 millesimi da Lorenzo.
    Lui, Casey non lo dice, ma lo dico io: "vorrei vedere a parita' di moto".

    RispondiElimina
  59. Ma certo boa,secondo me ci prendano per il culo come sempre.E poi sempre secondo me con la yamaha che anno adesso salvo cataclismi il mondiale e gia' finito con il solito vincitore.
    Pero' mi piacerebbe tanto sapere se alla semi finale per ipotesi rossi e lorenzo si trovassero appaiati o quasi con i punti, la yamaha chi "aiuterebbe"?

    RispondiElimina
  60. Put di la' ti cercano per dirti che sbagliavi!

    RispondiElimina
  61. Non essendoci terzo incomodo la Yamaha non farebbe favoritismi.
    Certo pero' che se Lorenzo nel frattempo firmasse con Honda potrebbe, ripeto "potrebbe" esserci l'interesse a far vincere quello che rimane.
    Io comunque fossi in Lorenzo rimarrei in Yamaha: non si puo' avere la certezza che la Honda faccia una moto superiore il prossimo anno e la M1 adesso e' il massimo.
    Andare in onda per Jorge potrebbe far diventare piu' difficile battere Rossi.

    RispondiElimina
  62. Mi spiace boa, io penso il contrario, sono piu' che sicuro che gli convenga aiutare rossi, e secondo me questo lorenzo lo a gia' capito da tempo. la yama vuole rossi come uomo immagine yama, il loro rappresentante nel mondo, dopo che si ritira dalle corse.
    per i giap l'immagine della propia casa rappresenta per loro come la vittoria di 10 titoli, e molto onorevole per loro avere il "campione" l'idolo del mondo che li rappresenti.
    percio' sono pronti a far fuori lorenzo o chiunque esso sia se prova a mettersi nel mezzo tra loro e rossi, senza contare impegni e parole date a rossi.
    certo che ora come ora la logica direbbe di rimanere in yama, ma prova a pensare ha questo;
    ora la yama e al 110% e di sicuro grazie a rossi e al suo team, ma rossi correra 1 forse 2 anni ancora e lo sviluppo continuera a farlo lui non lorenzo, e questo non permettera a lorenzo di crescere come "collaudatore",percio' poche esperienze essenziali per un pilota, ed e' una.
    la seconda, chi gli dice che il dopo rossi la yama avra la stessa "potenza tecnologica" e voglia di fare di adesso con rossi?, e se nel tempo decade propio perche' lorenzo non da indicazioni precise vista la poca esperienza e in parte bloccata anche da loro?
    mentre andando alla honda avrebbe un team tutto suo e la honda che lo coccola dandogli tutto cio' che chiede, e nel frattempo crescendo di esperienze, e la honda non e' "cincirinella" per capirsi prima o poi riemmerge e quando lo fa' lo fa' di brutto.
    percio' restare in yama e sperare di arrivare secondo per i prossimi 2 anni? o andare in honda a far apprendistato e poter stravincere per il dopo rossi?
    Vedi tu'.

    RispondiElimina
  63. Ricordi La formichina e la cicala sul'albero?

    RispondiElimina
  64. Mah... io ai complotti non ho mai creduto piu' di tanto.

    Quanto allo sviluppo, i piloti quando fanno il mondiale si limitano a promuovere o bocciare cio' che gli viene dato. Il grosso della moto e' gia' fatto e i collaudatori esistono apposta. Non credo quindi che Lorenzo abbia molto da perdere a rimanere in Yamaha se non il denaro che gli offre in piu' la Honda.
    Ma come moto perderebbe molto e lasciare la Yamaha tutta a Rossi sa di rinuncia, e' come dire: "per batterlo mi serve una moto migliore".

    Del resto se guardiamo le Tech3 che sono ad uno step (se non di piu') di sviluppo indietro, troviamo Edwards stabilmente a 6-7 decimi dalle qualifiche di Rossi. Ti diro', a me sembrano pure pochi considerando che tra i 2 c'e' un abisso.
    Significa che la moto e' di base eccezionale, se poi la si da a 2 dei 4 piloti piu' manici i risultati vengono da soli.

    In definitiva, essendo ad appena la sua 2° stagione, Lorenzo farebbe bene a lasciar fare Rossi e la Yamaha e concentrarsi sulla guida.
    Non vorrei facesse come altri che per avere piu' voce in capitolo sulle scelte del team sono andati su moto peggiori o si sono incasinati la vita. (v. Gramigni).

    RispondiElimina
  65. boa&romi.
    secondo me avete colto un paio di verità a testa.
    anche io penso che yamaha, potendo scegliere, preferirebbe che lorenzo cominciasse a vincere i titoli DOPO la fine di rossi.
    comunque ormai lorenzo si è sbilanciato troppo...
    se fosse stato zitto e buono probabilmente in futuro avrebbe raccolto l'eredità di uomo-immagine yamaha, ma ormai o lui o rossi devono perdere a vantaggio del compagno-rivale: andrà alla honda, oppure si incasinerà la vita "più di gramigni".

    RispondiElimina
  66. non sono complotti, sono accordi di stima che la yama a per rossi.
    comunque staremo a vedere, a quella dei soldi credo meno.

    RispondiElimina
  67. Buon giorno put, ci diamo il cambio io vado a letto ora, e mi sveglio per la gara, sen ricordo male 11,30?

    RispondiElimina
  68. Anche secondo me, Lorenzo passa alla Honda, per due motivi: primo la Yamaha (stupidamente, perchè chiaramente rinuncia a vincere in futuro) gli ha chiuso la porta, secondo la Honda non è così scarsa come si pensa (e come non lo era la Yamaha quando Rossi lasciò la Honda). La Honda ha due piloti meno validi di Rossi e Lorenzo, e solo Pedrosa è in grado di vincere qualche gara. A parti inverite, Pedrosa con la Yamaha starebbe sempre dietro a Lorenzo con la Honda. Unica variante occulta, Rossi ha promesso di continuare a correre altri 4 anni.

    RispondiElimina
  69. acciderba zietto,
    questa cosa dei quattro anni ancora, prima del ritiro di rossi, nemmeno la temevo...
    e allora buonanotte ai suonatori: lorenzo se ne va matematicamente.
    un flash a caso: che ci fa lo sponsor fiat sulle carene di lorenzo? non basterebbe questo dettaglio, se ben meditato, a far capire le chances di vittoria in campionato di chiunque si trovasse ad affiancare l'eletto?

    RispondiElimina
  70. Se non ci fosse qualcosa dietro, la Yamaha temporeggerebbe e tratterrebbe Lorenzo, forte come Stoner e in questo periodo decisamente messo meglio di umore. Se la Yamaha non attua questa strategia (e almeno così pare) è perchè pensa di poter saltare il "ciclo" Lorenzo e sperare in un altro giovane pilota, oggi in 125 o chissà dove. Non ti sembra ragionevole?

    RispondiElimina
  71. Se percorri la strada tracciata da qualcun altro inevitabilmente arrivi dietro. Di questo LORENZO si è accorto da un pezzo, la YAMAHA è stata sistemata per le gomme BRIDGESTONE da ROSSI lo scorso anno e visto che la moto funziona bene così ovviamente nessun tipo di sviluppo che possa dargli un vantaggio è previsto per LORENZO. Strano che la YAMAHA rinunci ad un testimonial come LORENZO visto che è presente anche da solo in tutte le pagine di pubblicita YAMAHA delle maggiori riviste ma probabilmente la miglior pubblicita è sempre quella di vincere e su questo ROSSI è una garanzia assoluta.
    LORENZO alla fine andrà via dalla YAMAHA perchè nessuno fara nulla per trattenerlo, la YAMAHA probabilmente lo ha gia escluso dai progetti e sviluppi futuri per non dare indicazioni al suo futuro team e l'allusione al particolare di ROSSI che lui non ha dovrebbe chiarire bene la cosa. Probabilmente in YAMAHA si sono già fatti un 'idea che per il dopo ROSSI possa andare anche bene quel giovanotto americano che si sta allenando in SBK e che magari tra 2 anni possa essere a fianco di ROSSI. BEN SPIES arriva nel 2010 in TECH3, nel 2011 prime lezioni da ROSSI, 2012 esame finale e poi dal 2013 magari il "vecchio" ROSSI gli lascia le chiavi della M1.
    LORENZO è già chiaro che nel 2010 andra in HONDA, a questo punto il problema è chi arriva a fianco di ROSSI??

    RispondiElimina
  72. credo che la yamaha se lo sarebbe tenuto volentieri(enzo), ma con tutto il rumore che c'è stato in questi giorni(e con rossi sulla piazza per altri 4 anni) dovrà scegliere uno dei due.
    forse lo spagnolo l'aveva capito ed ha buttato benzina strumentalmente, per non perdere più tempo del necessario: o mi fate vedere che investite su di me al punto di non avere più vantaggi con rossi vincente, oppure giù la maschera.

    RispondiElimina
  73. Lanfry, non ho citato Ben Spies perchè credo sia oramai definitivamente acclarato che i passaggi di categoria non hanno mai funzionato, nè da sbk verso motogp, nè da motogp verso sbk. Almeno così ci insegna la storia (ma potrebbe cambiare, ovviamente)

    RispondiElimina
  74. 4 anni ancora??
    Dove lavete sentito?...porca miseria zozza...Nooooooo..subire ancora 4 anni gli invasati ultra' da stadio bimbiminchia..noooooo ma che mi dite, ma e' vero o scherzate?.
    comunque dicano che ben a le valige pronte.

    RispondiElimina
  75. Beh se gli anni per Rossi sono 4 e non 2 sin da ora cambia tutto perche' Lorenzo rischia davvero di rimanere in naftalina e svalutarsi, se era questione di giocarsela il prossimo anno al massimo era diverso.

    La Yamaha adesso ha in Rossi un top rider e non ha motivo di averne 2, pero' facendo cosi' rischia di far la fine della Ferrari che confermando Schumi perse Alonso e ripiego' su Raikkonen pre-prensionando il tedesco.

    Non so se Rossi a 34-35 anni sara' in grado di tenere dietro gente che ha 7-8 anni di meno e saranno nel pieno della loro maturita' agonistica.

    RispondiElimina
  76. boa biaggi ne ha 38 e quando ha la moto le bastona.

    RispondiElimina
  77. Quando aveva 10 anni di meno era piu' forte.

    RispondiElimina
  78. è anche vero che nel motociclismo si parla poco di preparazione atletica.
    faccio 3 nomi che a mio parere devono(o hanno dovuto) moltissimo ad una condizione fisica ben al di sopra della media.
    baylis, spies, biaggi.
    non mi risulta che nessuno dei quattro moschettieri della motogp sia particolarmente attento in questo senso.
    chi di questi si svegliasse per primo potrebbe fare la differenza e/o guadagnarci una longevità ben superiore al consueto.
    considerate che ormai i ciclisti e i podisti top maturano a 35 anni e non calano prima dei 40!

    RispondiElimina
  79. Per lo scorso anno Rossi confesso' di essersi preparato come non mai. Purtroppo quando ci si avvicina ai 30 cominciano i primi cali fisici.
    Credo che la scarsa attenzione di Stoner e Lorenzo sia dovuta alla giovane eta': a 20 anni puoi mangiare sassi e dormire mezz'ora al giorno, a 30 se dai un calcio a un pallone senza riscaldamento ti strappi come un pupazzo.

    RispondiElimina
  80. conoscendo valentino, sono sicuro che se avesse fatto qualcosa di appena decente su una bici oppure a piedi de corsa(per cronometro o difficoltà)... l'avremmo saputo.
    :-)
    spies gareggia in bici durante il campionato(!) e biaggi, almeno fino ad un paio di anni fa, sarebbe stato in grado di correre una maratona con tempi più che dignitosi(uscì un articolo/intervista su "correre", la rivista tecnica più diffusa tra i runners).
    un buon atleta, in moto, sta col cuore a 130 quando un altro non allenato sta a 160... a parità di capacità significa essere molto più lucidi e precisi.
    invecchiando, poi, la differenza si ingigantisce!
    ho la sensazione che nell'automobilismo ci sia più consapevolezza e cura di questi aspetti.

    RispondiElimina