lunedì 10 novembre 2014

SECONDO A NESSUNO (tranne che al primo...)



Quella del 2014 passerà alla Storia delle corse come quella del decimo "titulo" di Rossi: quello di VICE CAMPIONE DEL MONDO.
E quindi cari rosiconi, ex-biaggisti, ex-malpancisti, ex-colicisti ed ex-alcoolizzati rassegnatevi che anche quest'anno Rossi ha vinto. Perchè Lui vince sempre.
Ed è anche inutile che andiate a cercare l'Albo d'Oro dei Vice Campioni, perchè non esiste. Ma non perchè non esista il Titolo omonimo, ma perchè è stato istituito solo quest'anno in quanto è arrivato 2° nel Mondiale Rossi. Se fosse arrivato terzo sarebbe stato Vice del Vice cassando il titolo di vice semplice.
Semplice, no?

Ma non mi meraviglio che non ci arriviate, in fondo siete solo dei roditori, anzi dei gufi roditori che godono nel disfattismo. Siete la palla al piede dell'Italia che vince e anche dell'Italia che arriva seconda.
Ma non la vedete la tv? Dico quella vera, quella a pagamento. Barboni! Perchè con Sky premendo il pulsante giallo e scegliendo il commento 46 avreste sentito Maglienti chiedere a Lin Jarvis (boss Yamaha) quanto è contento di vedere Rossi "davanti a tutti" (cit.). Davanti a tutti tranne uno, quindi praticamente tutti. O stiamo a cavillare?
Anche Suppo l'ha ammesso: "se non c'era Marquez il Mondiale lo vinceva Valentino". E se non c'era lui, Pedrosa, Lorenzo, Dovizioso, Espargarò (2 manco uno), Smith e Bradl lo vinceva Iannone. Lo vedete che ha ragione pure Pernat?
E se non vi potete permettere la tv perchè vi fa male agli occhi tutto il giallo che vi corrode d'invidia, date un'occhiata ai giornali di cui vi coprite quando andate a dormire sotto il ponte: non c'è pagella in cui Rossi abbia preso meno del vincitore, anzi a volte prende di più lui da 2° di chi vince.
Perchè vincere è facile, ma arrivare esattamente secondi è molto più difficile.
E lo sanno tutti che 2 è meglio di uno. Volete mettere un risottino scotto con una bella "fiorentina"? Non è meglio un bel paio di tette che una monotetta? Vorreste avere una palla sola?

E poi voglio dire a parte i 10 tituli, ma vogliamo parlare delle 50 pole? E lasciamo stare che era dal 2010 che non ne faceva una e sarà partito in prima fila 3 volte in tutto. Rossi c'è, c'è sempre stato e sempre ci sarà. Come Agostini e i suoi record contro i Velosolex che ancora oggi sono imbattuti (solo perchè non corrono più le Norton monocilindriche vigliacche!). Sono altri quelli finiti. E' finito Lorenzo, è finito Pedrosa. Certo sarebbe interessante sapere dove sono finiti. Non è certo finito un 9 volte campione del Mondo e 3 volte Vice campione del Mondo eguagliando il record di Pedrosa.

Eh certo che però quando arrivava 2° Pedrosa mica festeggiava nessuno. E pure Rossi nel 2006 (v. foto) e 2007 non era mica tanto contento. Eppure vinse rispettivamente  5 e 4 gare, quest'anno solo 2. E chi cazzo le ha vinte tutte le altre???
Ah già Marquez. Si fa prima a contare le 5 volte che non ha vinto:
- 3 cadute (di cui 2 quando era rimasto solo da tagliare il traguardo indisturbato)
- un 2° posto per assicurarsi il titolo
- e infine l'unica gara opaca a Brno, 4°
Proprio quest'ultima è stata l'unica in cui Rossi è arrivato davanti a Marquez... ma anche Lorenzo... ma anche Pedrosa.

Sapete una cosa? Non sono mica tanto convinto che arrivare secondi sia poi così bello. Miller ad esempio non aveva una bella cera.
Vabbè chissenefrega, ora sotto con gli spot a martello di Rossi che si batte alla pari con Marquez nel 2015!!

martedì 7 ottobre 2014

ZUCCHE E CAPPELLACCI



Ci sono polemiche tipiche che si riaccendono ciclicamente e, che vengono sempre interpretate nella maniera più conveniente.
Ma forse domenica a Magny Cours abbiamo visto la parola fine all'eterno dibattito sugli ordini di scuderia: se devi farli come in Aprilia, meglio lasciar perdere!

Si sa, ordinare a un pilota di cedere la posizione è sempre un gran trambusto. Alla Ferrari ci han fatto il callo con Barrichello e Schumacher anche se forse la strategia venne attuata troppo presto, il che può portare a situazioni sconvenienti. Come il 1999 dove a Eddie Irvine fu ordinato di non sorpassare il suo capitano (sempre Schumi) col tedesco che poi a fine stagione si ritrovò nel ruolo opposto a causa di un infortunio e corse (da campione) per il gregario in lizza per il titolo.

Però ecco forse a cambiare non è tanto la situazione che poi è sempre la stessa: un pilota può vincere il titolo, l'altro no. A cambiare è semmai il modo in cui si dispone l'ordine, la tenuta della squadra, il rispetto per i compagni, la dedizione alla causa, gli stimoli dei protagonisti; in una parola, la testa.
Perchè dare un ordine di scuderia a Massa ad esempio è già più difficile: bisogna che capisca il perchè, poi gli va ripetuto, chiesto ancora una volta e sperare che lo faccia senza rendere il tutto molto ridicolo.
Ma Melandri ha toccato una vetta mai raggiunta. Un misto di ipocrisia e menzogne in una bella sceneggiata per passare come una povera vittima.

Aprilia ha un solo pilota in lizza per il Mondiale Superbike, il povero Guintoli. Povero perchè da quando la RSV4 ha messo le ali, il più veloce è diventato il suo compagno. Dopo una serie quasi ininterrotta di vittorie di Melandri a 4 prove dalla fine e dopo aver fatto finta di nulla a Jerez, all'italiano viene chiesto di dare una mano. Lo sanno tutti, è ufficiale, persino Meda vede "un Melandri in versione scudiero" dopo 3 curve.
Ma Guintoli fa la sua gara, passa uno a uno i rivali, stacca le Kawasaki e a 5-6 giri dalla fine potrebbe/dovrebbe poter tirare i remi in barca.
E invece no.
Il suo compagno corre come un indemoniato, lo rimonta prendendosi pure dei rischi e parte la sceneggiata. Quando poteva benissimo rimanere a debita distanza e nessuno se ne sarebbe accorto, arriva a prendere il codone dell'altra Aprilia e dai box mettono la lavagna con "faccina triste" (ma anche un po' incazzata).
Per me i dettagli sono importanti.

Com'è che il box Aprilia usa una "emoticon" apposita per segnalare a Melandri di non passare Guintoli?? Allora vuol dire che lo sai, che siete d'accordo, che quel simbolo ha un significato, codificato, messo nero su bianco, condiviso, accettato. No? O vogliamo credere che in Aprilia a una manciata di giri dalla fine si sian messi a dire "oh porca miseria come facciamo a dirgli di stare dietro? Qualcuno ha una faccina triste in tasca? Perchè magari quella la capisce al volo!!" In Kawasaki invece all'ultimo momento scatta un cartello ben più esplicito, quasi spiegato nella maniera più elementare. In Aprilia invece si vede che c'è un accordo precedente.
Infatti Melandri come vede la faccina passa subito Guintoli, lo stacca pure per poi PLATEALMENTE rallentare e far segno di passare.
Un gesto elegante qualcuno lo ha definito. "Ha voluto far vedere che lui è il più forte". No ha solo voluto far vedere che ha obbedito a un ordine per chiudere il conto.
Poi però in Gara 2 non l'ha fatto. Perchè?

Le scuse di Melandri sono patetiche:
- una gara basta e avanza
- volevo poter guardare mia figlia negli occhi e dirgli che le cose vanno meritate
- ho degli sponsor personali cui devo rendere conto
- così sono terzo in classifica

1. una gara non basta, se cedevi 2 volte magari in Qatar potevi farti gli affari tuoi, ora ti toccherà rifarlo. Volpe.
2. tua figlia è neonata e quando sarà grande spera che del team Aprilia non ci sia nessuno che le insegna cosa vuol dire un accordo
3. gli sponsor personali da quando pesano più di chi investe milioni nel progetto di una moto da corsa schierata ufficialmente da una azienda che ti paga profumatamente??
4. eri terzo in classifica anche se arrivavi dietro Guintoli.

E allora si torna al discorso di partenza: se c'è della testa non serve nemmeno dare ordini, a chi non ha testa non bastano nemmeno le legnate.
Un vecchio adagio ferrarese dice che con certe zucche non si possono fare buoni cappellacci.
Non vi dico a chi vanno date le zucche guaste per educazione, che sennò pare debba rendere conto degli insulti a qualcuno.

P.s.
pistola